Ferrara

Scopri le bellezze dell'Emilia

Ferrara

Choose your language: en

FERRARA

 

 

Ferrara è una delle città medievali più belle d’Italia, caratteristica per il suo castello e per la sua storia legata alla famiglia Estense, la più antica casata italiana, la quale ha reso la città un gioiello del Rinascimento italiano.

All’interno del suo centro storico convivono due realtà, quella medievale evidente all’esterno della cattedrale, nel palazzo comunale e nel castello, e quella rinascimentale e moderna con le grandi vie, il palazzo dei diamanti e l’interno del duomo.

La città ricoprì un ruolo fondamentale dalla fine dell’alto medioevo, in quanto una delle principali sedi dell’Ordine dei Cavalieri Templari, costruttori di meravigliose opere tra cui la chiesa di Santa Maria del Tempio e della Rosa, di cui oggi rimane purtroppo solo il chiosco.
Da qui passarono i principali maestri muratori, come i Comacini a cui fu affidata la costruzione della cattedrale di San Giorgio. Nel lato che dà sulla piazza, il duomo presenta colonnine uniche nel proprio genere, ognuna diversa dall’altra, frutto, secondo la leggenda, dell’invidia del diavolo che di notte da dritte quali erano le piegò una ad una. L’interno tuttavia abbandona l’arte medievale per essere uno dei maggiori simboli di barocco italiano. Nelle cinque navate l’oro e i marmi dominano la scena e alzando lo sguardo verso il soffitto il fedele comprende la maestosità di Dio.

Di fronte alla cattedrale si erge il Palazzo Comunale, con le sue torri e le sue statue. Ad essere raffigurati sono due tra i più importanti duchi della città appartenenti alla famiglia Estense. Si tratta della più antica casata nobiliare italiana e Ferrara fu la capitale del loro ducato per quattro secoli. Il potere di questa famiglia era rappresentato dall’edificio simbolo della città, ovvero il castello Estense. La struttura fu realizzata a partire dal 1385 come strumento per il controllo politico e per la difesa da eventuali incursioni straniere. Esso è costituito da quattro alte torri che sovrastano la città, mentre al suo interno si trovano stanze di vario utilizzo, dalle sale nobiliari alle carceri nei sotterranei.

Con l’ascesa al potere del duca Ercole I d’Este Ferrara vede un grande cambiamento urbano voluto dagli Estensi affinché le architetture della città fossero in linea con le innovazioni del Rinascimento. E’ così che fu ridisegnata la città, con ampie vie che la attraversavano da nord a sud e da est a ovest, mentre all’esterno prendeva la forma di un diamante. Al centro della nuova città è stato posto un palazzo di marmo bianco e noto per le sue 8.500 punte, si tratta del Palazzo dei Diamanti. Il progetto realizzato dall’architetto Biagio Rossetti, è il simbolo di una nuova Ferrara che supera il medioevo e, che fino alla fuga della famiglia Estense a Modena, sarà considerata una delle più belle d’Europa.

 

Choose your language: en

Tags: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *