Modena

Scopri le bellezze dell'Emilia

MODENA

 

Modena è famosa in tutto il mondo per il suo sito Unesco grazie al duomo, alla Ghirlandina e alla sua meravigliosa piazza Grande, per i motori come Ferrari, Pagani e Maserati, per i suoi piatti tipici e i suoi personaggi come Enzo Ferrari, Massimo Bottura e Luciano Pavarotti.

Costruita dagli antichi romani come grande centro per i commerci fu descritta da Cicerone la più bella e la più potente, dell’epoca romana tuttavia rimangono alcuni reperti, come per esempio il parco archeologico del Novi Sad a nord del centro storico e il lapidario romano contenuto nei Musei Civici.
Ma fu con il basso medioevo che la città si affermò per le sue arti e le sue architetture in tutta Italia, in particolare grazie al duomo costruito dal misterioso architetto Lanfranco. Era il 1099 quando fu posta la prima pietra di un edificio che sarebbe diventato Patrimonio dell’Umanità. Alto 22 metri e lungo 67, il duomo di Modena è il simbolo della città insieme alla sua torre campanaria detta Ghirlandina, che raggiunge l’altezza di 86 metri e da cui è possibile vedere non solo la città ma anche le città vicine.

A concludere l’area protetta dall’Unesco vi è anche Piazza Grande, che conteneva uno dei maggiori mercati medievali d’Italia e su cui oggi si affaccia il duomo e il palazzo comunale al cui interno sono visibili meravigliose stanze affrescate ad accesso gratuito.
A nord della città si trova, invece, il Palazzo Ducale che con l’unità d’Italia è diventata l’Accademia Militare nazionale in cui sono stati addestrati i re d’Italia. Tuttavia, in origine il palazzo era la sede della famiglia Estense, che dal 1597 al 1859 scelse Modena come capitale del proprio ducato, a seguito della fuga dalla città di Ferrara. Sotto di esso un tempo passavano i canali navigabili che attraversavano la città di Modena, in quanto questa città era simile a Venezia, ma di cui oggi si ha memoria attraverso la costruzione di queste fontane nella piazza antistante il palazzo. Infatti dalla fine del XIX secolo i canali di Modena vennero chiusi e nascosti, segregati al di sotto del manto stradale. Tuttavia, le antiche vie d’acqua portano ancora i loro nomi come Canalgrande, Canalchiaro o Canalino.

Con Modena capitale del ducato Estense la città si arricchì di tesori architettonici che devono essere visitati, come la chiesa di Sant’Agostino che voleva essere per il duca Francesco I il pantheon della nobile casata, così come la Galleria Estense situata all’ultimo piano del Palazzo dei Musei. All’interno di questa Galleria si trovano le opere dei più importanti artisti del Rinascimento e del Barocco italiano tra cui Tintoretto, Guercino, Correggio e Carracci. Delle centinaia di opere conservate al suo interno, tuttavia, la principale rimane il busto del duca Francesco I realizzata in marmo da Gian Lorenzo Bernini, l’architetto della piazza di San Pietro in Vaticano. Modena è anche la città della musica è qui infatti che nacque e visse il più importante tenore di tutti i tempi, Luciano Pavarotti. Alla sua memoria la città ha dedicato il suo splendido teatro comunale e una statua antistante per ricordare chi riuscì a dilvulgare l’opera a tutti i popoli del mondo.

Modena è anche sinonimo di eccellenza enogastronomica, è qui infatti che ha sede l’Osteria Francescana, nominata nel 2018 come miglior ristorante del mondo, di proprietà di Massimo Bottura, uno dei maggiori chef della Terra. Tuttavia, la tradizione culinaria modenese continua con Modena l’aceto balsamico tradizionale, frutto di antiche tradizioni, il Lambrusco che è il vino italiano più esportato al mondo, e la pasta all’uovo come lasagne e tortellini.

Infine, Modena è anche la città dei motori. Qui hanno sede tra città e provincia le case automobilistiche italiane più prestigiose di sempre come Ferrari a Maranello, Maserati a Modena, e Pagani a San Cesario. In particolare in città è stato costruito il Museo Enzo Ferrari, dedicato a mostre automobilistiche in continuo divenire, attorno alla Casa Natale del fondatore del Cavallino Rampante, dove si trovano invece gli oggetti e le fotografie che hanno segnato la storia del Drake. A poca distanza, lungo via Ciro Menotti, svetta il Tridente, simbolo della casa automobilistica Maserati, tuttavia per vedere i modelli che hanno segnato la storia di questo importante brand è necessario recarsi presso il Museo Collezione Umberto Panini.